Taddei Alberto Ciro

 

Nato a Gorla Minore (VA) il 27/02/1971
Residente a Bolzano in via Resia 12/m
Sede Legale: via Resia 12/M - 39100 Bolzano
Galleria Grafica: Piazza Parrocchia 17 - 39100 Bolzano
Tel.: (+39) 0471 1702094 - Cell.: (+39) 329 0966722
Cod. Fisc.: TDDLRT71B27E102E
P. IVA: 02798180218
Sito: www.taddeialbertociro.it - Email: alberto@taddeialbertociro.it


RIFERIMENTI UFFICIALI

Sito Internet Taddei Alberto ciro e-mail Taddei Alberto Ciro Pagina Pinterest Taddei Alberto Ciro Pagina Linkedin Taddei Alberto CIro Pagina Google + Taddei Alberto Ciro Pagina Instagram Taddei Alberto Ciro

 

1989 Diploma presso il Liceo Artistico Statale "A.Manara" di Busto Arsizio (VA)
1992 Politecnico di Milano - Facoltà di Architettura MI
1995 Post Diploma come Operatore grafico di immagine coordinata presso la Wall Street Educational Center - Institute of Design di Busto Arsizio (VA)
2001 Specializzazione presso la Scuola Provinciale Profess. arte e industria di Bolzano in "Creazione e pubblicazione di pagina Web (Go-Live e Live -Motion)" e "Photoshop (expert level 2) Certificato di qualifica professionale" 
2002 Specializzazione presso  la WIFI Wirtschafts-förderungsinstitute di Bolzano in "Macromedia FLASH Certificato di qualifica professionale"
 

NOTE CRITICHE

Una finestra aperta sul mondo
E' la figura ­nello specifico il viso ­ il soggetto d'elezione per Alberto Ciro Taddei, che usa la matita per un lavoro di indagine fino all'ultimo dettaglio sulla pelle e sull'anima.

Una nitida oggettività ricostruisce nei dettagli di abbigliamento, pettinatura e luci ritratti di persone di facile identificazione, con le caratteristiche che si imprimono nelle memorie e fanno di una persona “quel” soggetto al quale la mente altrui ritorna.
Attraverso i media i ritratti tornano oggi a noi più volte, passando per tecniche disparate, come proiezioni dell'artista, dell'uomo, della società e dell'epoca in cui viviamo.
Quando ci rendiamo consapevoli dei condizionamenti imposti dai modelli sociali, riconosciamo gli stereotipi che guidano la nostra impressione degli altri ed i caratteri in cui identifichiamo un'anima, di per se invisibile (esistente?), come qualcosa di reale ed evidente; è attraverso questi che l'artista opera su chi guarda, presentandoci personaggi come Lilly Gruber, Tania Cagnotto, Reinhold Messner.

Nella serie di opere in mostra i ritratti sono quasi tutti frontali, secondo la concezione percettiva, che interpreta la teoria dell'Alberti della finestra prospettica centrale come forma simbolica.

Risale al Rinascimento l'invenzione del quadro distinto dall'immagine sacra e strumento di affermazione della posizione raggiunta, diventa per la prima volta un oggetto alla moda, sia esso ritratto, paesaggio o natura morta, ma comunque fino al ventesimo secolo quadro e rappresentazione del mondo hanno dialogato nel senso di una riproduzione oggettiva dell'esistente: la presenza corporea dell'osservatore è separata dal rappresentato, il quadro è luogo fisico in cui rappresentare il mondo.
Nel XX secolo cambia la produzione e ricezione delle immagini e mentre il quadro, già percepito come oggetto limite fra realtà e sua rappresentazione pittorica, volge alla sperimentazione e traccia percorsi senza un al di là illusionistico, delegato piuttosto alla fotografia. Anche il fotografo non è oggettivo, imposta il suo lavoro su alcune linee, che necessariamente si contaminano con la ricchezza di stili e ideologie radicate nella sua cultura; guarda allo sperimentalismo artistico di avanguardie e transavanguardie e alla scossa di colori e di culture altre, spostando i limiti del fare progettuale: reportage sociale, ricerca formale classico­estetizzante, consacrazione aulica dell'arte, business della comunicazione.

L'esplosione della fotografia, che si è affermata come scrittura fondante della cultura contemporanea, si connette al frantumarsi delle arti, applicata al complesso sistema della comunicazione contemporanea, ne supporta e sconta i veloci mutamenti di gusto. Proprio la fotografia commerciale, equivalente odierno della creazione artistica su committenza del rinascimento, ha contribuito in maniera decisiva, insieme alla fotografia di ricerca artistico- espressiva, alla rapida evoluzione della scrittura fotografica e della visione contemporanea.

Alberto Ciro Taddei usa appieno questi linguaggi, coniugando l'attualità dello scatto, con la stupefacente abilità del disegno più classico.
Dice di esser stato folgorato dall'ammirazione e dal compiacimento che un artigiano nel corso di una dimostrazione a Burano, l'isola del vetro, manifestava per l'oggetto appena creato, pago della sua bellezza e dimentico degli spettatori. Così Taddei si impegna in una ricerca senza fine, andando avanti per ore e giorni nello studio dei particolari sul versante linguistico del disegno, con le matite nei ritratti in bianco e nero dal carattere umanistico, con le matite colorate per le venature dei legni delle baite, e porta avanti immagini mai ritenute complete. Somigliano a fotografie?
Ebbene non avrebbe senso ignorare che da oltre centocinquant'anni la fotografia esiste ed è fondante nella nostra attuale lettura del mondo. Taddei aggiunge ciò che cerca, la consapevolezza dell'oggetto magistrale, che veramente pochi saprebbero fare.

Pierina Rizzardi

Dillo ai tuoi amici

Vi piace?

ok

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.